Assapora le colline fiorentine con il Supertuscan Tignanello

Tignanello è la nomea data negli anni 70 al nuovo vino rosso di produzione Antinori e deve il suo nome dalla Tenuta di Tignanello, dove viene prodotto, più precisamente nel comune di San Casciano in Val di Pesa, in provincia di Firenze.

Il nome Tignanello secondo la leggenda potrebbe derivare dal Dio etrusco Tinia, il corrispettivo di Zeus.

Dove acquistare Tignanello al miglior prezzo?

Il prezzo di un Tignanello è in genere alto, questo perchè la sua qualità è eccelsa e la sua tiratura è molto limitata. Vi sono siti come Prezzo Tignanello che monitorano l’andamento dei prezzi del Tignanello e che mostrano le schede di degustazione dei Tignanello delle annata più conosciute e famose.

In genere appena uscito il prezzo di un’annata di Tignanello è di circa 70 euro ma alcune annate arrivano a costare tra i collezionisti anche più di 500 euro per bottiglia.

Perché assaggiare Tignanello? Premi e produzione

Il Tignanello ha vinto numerosi premi anche a livello internazionale ed è comparso numerose volte nella top ten internazionale della famosa rivista Wine Spectator.

La produzione di questo vino inizia nel 1970 su iniziativa di Piero Antinori aveva la peculiarità di comprendere anche uva Cabernet Sauvignon e Cabernet Franc e di essere invecchiato in barrique, a differenza dello storico processo del vino Chianti Classico DOCG così come fu deciso da Bettino Ricasoli.
Per questo motivo infatti perse la denominazione DOC e rimase solamente con la generica indicazione vino da tavola, questo fino al 1994 quando finalmente ricevette la denominazione IGT.

Dopo questo esperimento dal 1975 fu tolta tutta l’uva bianca, ora è composto principalmente da Sangiovese e Cabernet Sauvignon e per una piccola percentuale da Cabernet Franc e la gradazione alcolica è di 13,50%. Il rapporto tra le uve (80%, 15%, 5%) è rimasto invariato dal 1995 tranne per il periodo 2001-2006 quando il Sangiovese era aumentato all’85% a scapito del Cabernet Sauvignon che fu portato al 10%. Praticamente è stato, con il Sassicaia, il pioniere dei vini Super Tuscan che sono riusciti ad ottenere molti premi e riconoscimenti a livello mondiale.

Il Tignanello ad oggi è una pietra miliare del vino toscano di qualità; primo vero Supertuscan, ma anche il primo vino sangiovese affinato in barrique e senza utilizzo di nessuna varietà di uve bianche ma anzi di vitigni internazionali; è oggi un “must” per ogni appassionato di vino toscano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>