Carta Revolving o rateale : cosa é e come sceglierla

carta-revolving

Avete mai sentito parlare della carta revolving? Si tratta di uno strumento interessante è a tutti gli effetti una tipologia speciale di carta di credito che consente al titolare di rimborsare a rate il saldo di fine mese.
In base alla modalità di restituzione della spesa effettuata mediante carta, avrete la possibilità di suddividere le carte di credito in diverse tipologie. Esistono quelle classiche, in questo caso se l’importo viene addebitato sul conto corrente collegato alla carta nel mese successivo.
Le carte revolving invece sono quelle dove le spese sono prelevate e rimborsate a rate. Una tipologia di certa speciale che permette di avere accesso a dei veri servizi di finanziamento.

Come funziona la carta revlving?

Nella maggior parte dei casi l’emittente dopo una valutazione del reddito del richiedete, decide di mettere a disposizione dello stesso una somma di denaro contante. Sarà il cliente a scegliere se e come utilizzare tale somma, l’eventuale spesa effettuata, maggiorata degli interessi applicati, sarà rimborsata in comode rate.
Le banche chiedono spesso un importo minimo per la rata, anche in questo caso il cliente avrà la facoltà di decidere a suo piacimento l’importo fino a pagare il saldo del debito totale. In questi casi è utile sapere che i versamenti mensili hanno una doppia funzione, servono sia a pagare gli interessi all’emittente sia a ricostruire il plafond base.
Ci teniamo a specificare che il richiedete dovrà corrispondere gli interessi all’istituto solo in caso di utilizzo del plafond. Quindi a cosa serva la carta revolving? Questo strumento di pagamento permette di compiere tutte le operazioni previste per la carta di credito:
Acquistare online e nei negozi convenzionati muniti di POS
Prelevare denaro
L’unica differenza, come più volte evidenziato, è la modalità di rimborso rateale del saldo.

Come è possibile richiedere la carta revolving? Una carta di questo tipo può essere rilasciata della banche e dagli istituti finanziari che offrono questo tipo di servizio. Sarà poi l’emittente a decidere se concedere o meno la card e quantificherà anche l’ammontare di moneta disponibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>