Come leggere una visura camerale

Visura camerale

La visura camerale è il documento che contiene dati pubblici e che fornisce informazioni su qualunque impresa italiana, individuale o collettiva, iscritta al Registro delle imprese; è tenuto dalle Camere di Commercio italiane che sono situate una per provincia.

Le visure camerali sono la carta d’identità delle aziende, descrivendone le caratteristiche (codice fiscale, partita IVA, tipo e scopo dell’attività, ordinamento giuridico, numero e ruolo dei soci, strumenti finanziari, ecc…) ed attestandone l’iscrizione.

Come leggere una visura camerale

Una visura camerale serve per acquisire informazioni su di un nuovo cliente, su un patner commerciale, quando si deve valutare un conduttore in una locazione commerciale, ecc.. e contiene dati oggettivi sempre aggiornati. La gamma dei servizi delle visure camerali è ampia e finalizzata a specifiche esigenze, più precisamente le visure camerali ordinarie sono un documento ufficiale rilasciato dalla Camera di Commercio che contengono le informazioni sullo stato attuale di un’azienda avente sede legale in Italia e disponibile anche in lingua Inglese. La visura camerale storica è un documento ufficiale rilasciato dalla Camera di Commercio che evidenzia la storia di un’impresa, le modifiche di denominazione o sede legale, le unità locali costituite o soppresse, le cariche sociali in essere o revocate.  La visura camerale dati bilancio è un report aggregato che integra i dati contenuti nella visura camerale ordinaria con i dati sintetici di bilancio. Le visure camerali storiche di bilancio, rappresentano un approfondimento ed integrazione dei dati contenuti nella visura camerale storica con i dati sintetici di bilancio. La visura camerale per procedure in corso rappresenta una ricerca mirata a verificare l’esistenza di fallimenti o procedure concorsuali a carico di un’impresa in Italia. La visura camerale di protocollo risulta indispensabile qualora si voglia avere informazioni aggiornate sulle modifiche ai dati societari presentate in camera di commercio. Le visure camerali di deposito sono le visure che consentono di verificare le modifiche ai dati societari.

Una volta ottenuta la visura camerale di nostro interesse, occorre saperla leggere e ben interpretarla, per cui nelle prime pagine ci sono in sintesi i dati fondamentali dell’azienda, il codice QR che attraverso dei dispositivi mobili consente di ottenere la conferma dell’autenticità della visura e poi di recuperare l’originale nell’archivio. Accanto al codice QR si può inoltre accedere ai dati anagrafici completi ed al numero R.E.A., la mail certificata, il codice fiscale e la partita IVA compresa la data dell’atto costitutivo della società, il codice ATECO che cataloga l’attività. A questo punto, sfogliando le altre pagine della visura camerale possiamo conoscere i dati del capitale sociale, il numero corretto dei soci, degli amministratori e dei dipendenti. Infine, se abbiamo bisogno di queste particolari documentazioni, possiamo concludere asserendo che per ottenerla, dobbiamo rivolgerci alla Camera di Commercio territoriale con a portata di mano tre elementi essenziali per identificare subito l’atto vale a dire il codice fiscale, il nome del singolo o dell’azienda.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>