Come rinnovare bonus energia elettrica : modulo

One bright bulb in crowd

Vi state chiedendo come sia possibile rinnovare bonus energia elettrica? Semplice è necessario scaricare l’apposito modulo da presentare alle Autorità per l’energia. Il bonus elettrico resterà in vigore per tutto il 2013, consentendo alle famiglie un risparmio energetico pari al 20% sulla spesa annua presunta.
Uno strumento davvero interessante che è stato integrato dal Governo italiano qualche anno fa in collaborazione con i comuni.

Come rinnovare bonus energia elettrica?

Il modulo è indispensabile per aiutare le famiglie in condizioni di disagio economico o le famiglie numerose che cercano in tutti i modi di risparmiare sulla spesa per l’energia elettrica. Chi può accedere a questo bonus?
Ovviamente tutti i clienti domestici intestatari di un contrato di fornitura elettrica per la sola abitazione di residenza on potenza impegnata fino a 3 kW per un numero di familiari con la stessa residenza fino a 4, o fino a 4,5 Kw, per un numero di familiari con la stessa residenza superiore a 4, e:
– appartenenti ad un nucleo familiare con indicatore ISEE non superiore a 7.500 euro;
– appartenenti ad un nucleo familiare con più di 3 figli a carico e ISEE non superiore a 20.000 euro.
Il bonus elettrico è previsto anche per i casi di disagio fisico, cioè per i casi in cui una grave malattia costringa all’utilizzo di apparecchiature elettromedicali indispensabili per il mantenimento in vita. Il bonus per disagio fisico viene concesso a prescindere dal reddito o dall’ISEE.
Ma quanto vale il bonus? Il valore varia a seconda del numero dei componenti della famiglia. In particolare per l’anno 2013è di:
– 71 € per una famiglia di 1 o 2 persone
– 91 € per 3 o 4 persone
– 155 € per più di 4 persone

Come rinnovare bonus energia elettrica?

Per richiedere il bonus occorre compilare l’apposita modulistica e consegnarla al proprio Comune di residenza o presso altro istituto eventualmente designato dallo stesso Comune (ad esempio i centri di assistenza fiscale CAF):
ISEE aggiornato e in corso di validità;
– certificato attestante l’agevolazione in vigore (Mod. 02/a1 che rilascia SGAte, oppure lettera inviata da Poste Italiane, o ricevuta del CAF);
modulo A/bis (disagio economico) compilato in tutte le sue parti, spuntando la casella rinnovo;
– documento identità;
modulo E (solo in caso di famiglie numerose con almeno 4 figli a carico);
– eventuale delega del richiedente (se la domanda presentata da un delegato).
Si è detto che hanno diritto al Bonus sociale per l’energia elettrica tutte le famiglie presso le quali vive un soggetto affetto da grave malattia, costretto ad utilizzare apparecchiature elettromedicali necessarie per il mantenimento un vita.
La richiesta del bonus elettrico va anche in questo caso presentata al Comune di residenza del titolare della fornitura elettrica, anche se diverso dal Comune in cui è localizzata l’abitazione nella quale è collocata l’apparecchiatura “salva vita” con il nuovo modulo B.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>