I dati sul settore bancario italiano gennaio 2013

abi

I dati sul settore bancario italiano gennaio 2013 sono allarmanti, o meglio, purtroppo, sono in linea con le aspettative pessimiste del periodo. I dati sul settore bancario italiano gennaio 2013 sono tanti ed eterogenei e quindi è sempre importante, e questa volta ancora di più del solito, circoscrivere il contesto di riferimento per quanto riguarda i dati sul settore bancario italiano gennaio 2013 cui di volta in volta facciamo riferimento. Questa volta i dati sul settore bancario italiano gennaio 2013 sono quelli pubblicati dall’agenzia di stampa Asca.

I dati sul settore bancario italiano gennaio 2013: le sofferenze bancarie

Il primo tra i dati sul settore bancario italiano gennaio 2013 cui facciamo riferimento è quell’indice noto nell’ambiente come quello delle sofferenze bancarie ed il periodo di riferimento è sempre quello di gennaio 2013. Il dato numerico in merito alle sofferenze bancarie per il settore bancario italiano nel periodo di riferimento individua sofferenze nette pari a 63,9 miliardi di euro. La misura delle sofferenze bancarie lorde sale a 126, 1 miliardi di euro. Tra i dati sul settore bancario italiano gennaio 2013 spiccano non solo le sofferenze nette, ma anche il più specifico rapporto tra sofferenze nette e impieghi totali che è pari al 3,4% per quanto riguarda gennaio 2013. In questo caso la misura è uguale al mese di dicembre del 2012, ma è quasi un punto percentuale in più rispetto a gennaio 2012.

I dati sul settore bancario italiano gennaio 2013: il settore privato

Tra i dati sul settore bancario italiano gennaio 2013 si evince che la differenza che si è venuta ad allargare soprattutto tra i valori pre-crisi e post crisi riguarda il rapporto tra sofferenze lorde e impieghi totali nel settore privato: da questo punto di vista i problemi maggiori li hanno le piccole imprese italiane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>