Il gruppo Fininvest

a

Notizie contrastanti in merito all’andamento economico del gruppo Fininvest. A conti fatti la società più famosa legata a doppio filo alla famiglia Berlusconi ha portato a casa un bilancio in forte perdita eppure, a ben guardare, ci sono state una serie di rassicurazioni che sembrano imputare le perdite inconfutabili registrate sul bilancio di esercizio o relativo al 2012 a ragioni differenti dall’andamento economico del gruppo Fininvest stesso. Si tratterebbe, infatti, a quanto confermato da fonti vicine al gruppo Fininvest, di perdite strutturali.

Il gruppo Fininvest: il bilancio d’esercizio 2012

Ma, come nostra buona abitudine consolidata ormai da lungo tempo, procediamo con ordine e iniziamo dall’esame dei fatti che, nella fattispecie, corrisponde all’analisi dei numeri riportati nel bilancio di esercizio relativo al 2012. Si tratta di un bilancio chiuso in rosso con, per la precisione, una perdita netta pari a 285,2 milioni di euro che segna un forte calo rispetto anche al già difficile andamento economico del gruppo Fininvest nell’anno scorso quando il bilancio si era chiuso con un utile di soli 7,5 milioni di euro. Di solito, un andamento economico in forte perdita come quello fatto registrare dal gruppo Fininvest quest’anno dovrebbe portare a non poter distribuire utili ai propri soci.

Il gruppo Fininvest: perdite strutturali e costi straordinari

Eppure, se ci facciamo due conti, ci rendiamo conto che il gruppo Fininvest, nonostante abbia chiuso indiscutibilmente male e in perdita il proprio bilancio d’esercizio per il periodo di riferimento 2012, ha comunque proceduto alle operazioni consuete di distribuzione degli utili tra i soci. E ciò perché da fonti interne al gruppo Fininvest fanno sapere che le perdite sono strutturali e dipendono esclusivamente dal peso di alcune rettifiche di valore e di costi straordinaria in assenza dei quali il bilancio di esercizio sarebbe stato assolutamente positivo.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>