L’asta per la collocazione dei Btp

btp

L’asta per la collocazione dei Btp tenutasi ieri ha portato avanti lo stesso andamento sia delle previsioni degli addetti ai lavori che quanto mostrato nel corso della settimana scorsa. A conti fatti anche l’asta per la collocazione dei Btp ha segnato un incremento dei tassi così come si era verificato nell’andamento delle aste dei Ctz, dei Btp e dei Bot semestrali. Ovviamente, la ragione che ha portato ad un andamento del genere in queste ultime aste e nell’asta per la collocazione dei Btp più recente è da ricondurre alla vicinanza alle elezioni politiche.

L’asta per la collocazione dei Btp: tutti i segnali del momento

Già prima della comunicazione dei risultati elettorali le incertezze della politica italiana si erano palesati su più fronti, ma, dopo la proclamazione di vincitori e vinti e dopo dunque che tutta Italia si è resa conto della difficoltà del momento che stiamo vivendo, gli indicatori dell’andamento economico del nostro Paese hanno mostrato a tutti i segni dell’incertezza: prima il possibile taglio al rating del debito italiano, di Moody’s, poi lo spread che continua a salire e infine i tassi sui Btp.

L’asta per la collocazione dei Btp: a cinque e a dieci anni

Nell’ultima occasione dell’asta per la collocazione dei Btp, sono stati collocati titoli per 6,5 miliardi di euro: si tratta del controvalore massimo che poteva collocare sul mercato il Ministero dell’Economia e, proprio per questo si tratta di un risultato positivo. Perché, almeno la domanda, non ha subito flessioni. Per quanto riguarda l’asta per la collocazione dei Btp dobbiamo ancora spiegare che sono stati collocati in misura maggiore Btp con scadenza a cinque anni (cedola annua lorda del 3,5%) e a dieci anni (cedola annua lorda del 4,5%).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>