Modello CUD 2013

Modello CUD 2013

Sul sito dell’Agenzia delle Entrate è ora disponibile, insieme alle istruzioni, la bozza del Modello Cud 2013.

E’ sufficiente visitare la sezione apposita del sito dell’Agenzia delle Entrate esattamente a questo indirizzo web  : (http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/content/nsilib/nsi/strumenti/modelli/modelli+in+bozza)

e scaricarla in formato PDF per poi stamparla; inoltre, sono presenti alcune utili informazioni sui cambiamenti apportati nell’ultimo anno.

Attraverso un comunicato stampa, l’Agenzia delle Entrate ha reso nota la pubblicazione della bozza ricordando che la consegna della certificazione unica dei redditi per i lavori dipendenti e assimilati, deve avvenire in duplice copia da parte del datore di lavoro o dagli enti (pubblici o privati) che erogano il trattamento pensionistico a favore del contribuente (che si tratti di pensionato o dipendente). Questo deve risolversi entro il 28 febbraio del periodo successivo a quello cui si riferiscono le certificazioni, ossia entro 12 giorni dalla domanda dei dipendenti in caso di cessazione della collaborazione.

Ma entriamo maggiormente in dettaglio.

Modello CUD 2013: Contenuti

Le agevolazioni presenti nella bozza del Modello, riguardano:

– L’abbattimento della base imponibile che premia tutti i lavoratori i quali hanno contribuito all’evoluzione e allo sviluppo del Paese con esperienze di lavoro all’Estero.

– l’assoggettamento ad imposta sostitutiva del 10% delle somme erogate per l’incremento della produttività, a patto che tali componenti accessorie siano previste da accordi o contratti collettivi territoriali o aziendali

Modello CUD 2013: Novità

Importanti cambiamenti sono stati introdotti per quanto riguarda il 5 e l’8 per mille dell’Irpef: anche la Sacra Arcidiocesi ortodossa d’Italia ed l’Esarcato per l’Europa e la Chiesa Apostolica in Italia, beneficeranno dei contributi in seguito alle norme del 2012.

Un’ ulteriore agevolazione è stata predisposta per i lavoratori di prima occupazione che, utilizzando il plafond accumulato durante i primi 5 anni, usufruiranno di una maggior deduzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>