Prestito per pensionati, ecco come ottenerlo

hedge-money

Durante la vita può capitare di aver bisogno di accedere ad un prestito personale, necessario per avere della liquidità immediata che può tornare utile per affrontare spese improvvise o finanziare dei progetti in cui si vuole investire. L’utenza che solitamente accede con facilità ai prestiti rientra in quella che ha un buon reddito e un lavoro, individui a cui le banche affidano maggiormente e senza troppi problemi i soldi, ma se siete dei pensionati?

Di conseguenza anche i pensionati possono accedere ad un prestito personale che sarà estinto con una trattenuta diretta sulla rata della pensione, nel caso di una cessione del quinto, o con i classici pagamenti mensili con addebito in banca in caso di normale finanziamento.

Ovviamente per accedervi c’è bisogno di alcuni requisiti fondamentali. Per prima cosa è molto importante non essere segnalati come cattivi pagatori e non avere altri finanziamenti in essere. In questo secondo caso, infatti, l’importo che la banca sarebbe disposta ad erogare potrebbe essere molto basso perchè la rata dovrà tenere conto anche di quello.

Per quanto riguarda i documenti necessari a richiedere un finanziamento per pensionati c’è da stare tranquilli: sono sufficienti un documento d’identità, il codice fiscale, il cedolino della pensione e, in alcuni casi specifici, un estratto conto bancario.

Nel caso di una cessione del quinto della pensione, una delle forme di prestito più usate, abbiamo bisogno anche di alcune operazioni da svolgere, tutto nella massima sicurezza e tutela grazie alle misure adottate dall’INPS.

Per richiedere il prestito come pensionati bisogna recarsi presso la propria sede Inps e chiedere la comunicazione di cedibilità, in cui sarà riportato l’importo massimo della rata del prestito che può essere estinta trattenendola sulla pensione. Senza questa comunicazione l’Inps non ha l’autorizzazione a versare alla banca la rata del prestito, quindi si tratta di un passaggio importante e fondamentale da fare.

Ottenuta tale comunicazione ci si reca presso la banca di fiducia e si fa richiesta del prestito, portando tutti i documenti necessari, una volta ottenuto il prestito saranno accreditati i soldi e ci penserà l’Inps mensilmente a versare la rata del prestito. I prestiti ottenuti appoggiandosi all’Inps sono da tenere maggiormente in considerazione perché comprendono una serie di tutele del pensionato che altri istituti non garantiscono.

Per avere maggiori informazioni sui prestiti per pensionati è possibile rivolgersi presso gli uffici inps della propria città, in un istituto di credito di propria fiducia o consultare questa comoda guida online: www.prestitisbp.com/pensionati/ dove è possibile trovare una selezione dei prodotti offerti dai principali istituti di credito che operano nel nostro paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>