Risparmiare mai stato così facile: compra caffè all’ingrosso online

In realtà sembrerebbe che la maggior parte degli italiani sia già ben informata su come e dove comprare caffè all’ingrosso online. Difatti, stando alla ricerca di mercato di Competitive Data riguardante il mercato italiano del caffè nel 2018 il segmento relativo alla vendita di cialde e capsule di caffè online è proprio quello in maggior crescita: ha registrato un +49,6% rispetto all’anno precedente, con un fatturato di oltre tre milioni e mezzo di euro.

Cifre da capogiro per un segmento di mercato – il caffè monoporzionato – inesistente fino a pochi anni fa. Non solo è stato un prodotto – le capsule ancor più delle cialde – che ha saputo imporsi nel mercato, ma ha di fatto modificato le abitudini dei consumatori (che hanno quasi detto addio alla decennale Moka) sia per le modalità di consumo che di acquisto. Oltre alla moka, a fare le spese dell’irruzione di cialde e capsule di caffè nel mercato italiano, ne hanno fatto le spese i dettaglianti e i negozi della grande distribuzione organizzata (GDO): sempre meno si usa acquistare cialde e capsule nei negozi, ma si preferisce comprare caffè all’ingrosso online. Giustamente, anche. I motivi sono numerosi e tutti validi. Questo vale per gli utenti finali quanto per i distributori, retailer e intermediari: sempre più diffuso il negozio all’ingrosso online – con o senza punto vendita fisico – per i titolari di partita IVA. Alcuni grossisti online vendono anche a privati.

 

Comprare caffè all’ingrosso online significa rivolgersi a un’azienda che alcune volte ha anche un punto vendita fisico, come è ingrossocaffe.it e il suo store di Amelia (TR), che commercializza esclusivamente caffè, in tutte le sue forme. Caffè in grani, in polvere, cialde, capsule, di marca o compatibili, dei maggiori brand e a marchio proprio, nonché tutti gli accessori da bar per servirlo.

 

Gli ingrossi online grazie al grande volume di caffè che commercializzano sono in grado di garantire prezzi unitari e/o al kg competitivi, facendo sì che al consumatore finale il caffè arrivi a un prezzo notevolmente inferiore a quello che troverebbe nella GDO, ad esempio. I grossisti, inoltre, contano su un ampio magazzino che consente loro di stoccare la merce e avere un rinnovo frequente dei prodotti sia in termini di miscele che di brand. Inoltre, sono organizzati perfettamente con un servizio di spedizione con corriere espresso che, in seguito all’evasione dell’ordine (entro otto ore), consegna la merce in 24-48 ore all’indirizzo indicato.

 

Presso gli ingrossi è possibile acquistare ogni tipo di marca di caffè da Lavazza, a Illy, a Borbone, Lollo caffè, Nespresso, Nescafé, fino a marchi proprietari come Chiccoricco, nel caso di Artigian Vending.  Le miscele disponibili sono sempre al passo con i tempi, includendo anche le ultime novità. I prezzi solitamente calano all’aumentare del quantitativo ordinato, per cui, ad esempio, un’azienda con quattro dipendenti può tranquillamente permettersi di fare un ordine da qualche migliaio di capsule, certa del fatto che andrà a risparmiare molto in termini di prezzo unitario e che si garantirà la scorta per i prossimi mesi. Tanto le capsule o le cialde sono confezionate in atmosfera protettiva che ne garantisce sapore e aroma per due anni, ma di certo la scorta non durerà così a lungo. Infatti, calcolando una media di 3 caffè al giorno, per 4 persone, 5 giorni a settimana fa 60 caffè a settimana: ossia, 240 al mese. Una scorta di 1000 capsule è appena sufficiente a coprire 5 mesi, omettendo le giornate in cui se ne prendono più e quelli offerti a clienti e fornitori.

 

In definitiva, di certo chi possiede una partita IVA o le piccole-medie aziende dovrebbero correre a comprare caffè all’ingrosso online perché la convenienza in termini economici, di qualità e di praticità è garantita.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>