Risparmiare sui farmaci: consigli

Fortunatamente per la gran parte della popolazione comprare farmaci non è tanto frequente quanto acquistare pane, pasta o latte in un supermercato. È per questo, quindi, che moltissime persone non si rendono conto dell’eventuale rincaro di un medicinale rispetto all’anno precedente o della possibile differenza di prezzo tra un punto vendita ed un altro. Pensiamo ai farmaci che utilizziamo spesso per curare la salute di tutti i giorni oppure i farmaci per dormire che sono in aumento costante nella popolazione mondiale.

Anche se modesti, sia chiaro, i rincari sui prezzi dei farmaci esistono ed oggi, grazie alla liberalizzazione di tale mercato, è possibile risparmiare denaro anche per essere in salute e non più solo per alimentarsi ed acquistare indumenti o oggetti per la casa ed il tempo libero.

Ma quali sono i consigli migliori per risparmiare sui farmaci senza perdere in qualità? Essenzialmente due: la scelta del punto vendita meno caro e l’eventualità di acquistare un farmaco generico in luogo del suo “fratello maggiore” di marca conosciuta ma molto più costoso.

Per quanto riguarda la scelta del punto vendita, sebbene alla cosa si badi molto poco, secondo un’indagine svolta in Italia nel 2015, è possibile risparmiare in media fino al 58% per l’acquisto di uno stesso prodotto scegliendo un negozio diverso. La differenza di prezzo più significativa è quella tra farmacie ed ipermercati. Nella grande distribuzione, infatti, un prodotto medico da banco ha mediamente un costo più basso rispetto a quello praticato dalla farmacia di circa il 17,6%, percentuale di risparmio che scende al 15,4% se mettiamo a confronto gli ipermercati con le parafarmacie.

Per quanto riguarda invece la scelta del farmaco, da qualche anno è possibile acquistare i cosiddetti farmaci generici, dei prodotti medici con lo stesso principio attivo del farmaco di marca conosciuto che hanno però dei prezzi più bassi talvolta anche del 50%. Molti consumatori sono ancora piuttosto scettici riguardo all’utilizzo di tale categoria di farmaci, temendo che l’assunzione di un prodotto “non di marca” possa compromettere il trattamento. Nulla di più falso: i medicinali generici sono studiati e prodotti seguendo le stesse direttive che orientano la produzione dei loro similari di marca nota e permettono di ottenere gli stessi risultati negli stessi tempi e solitamente con la stessa posologia. E non è tutto: con l’arrivo dei farmaci generici, il Ministero della Salute ha attivato sul suo sito ufficiale una sezione apposita consultabile dai cittadini per consultare la lista dei farmaci di marca nota ed il loro equivalente generico in modo da conoscere il farmaco e poterlo acquistare con maggiore consapevolezza e risparmiando.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>